Rub Vs Marinatura: Guida alla scelta Giusta

pollo alla mediterranea
Pollo mediterraneo alla brace
20 maggio 2018

Molte volte abbiamo sentito parlare di Marinatura e Rub, ma vediamo nello specifico le differenze e come mettere in pratica la preparazione.

La cucina Italiana è composta principalmente di sapori semplici:

Un filo d’olio extravergine d’oliva, un po’ di sale, un po’ di basilico fresco, sono sapori ed idee incise nel nostro DNA che denotano un piatto ricco di sapore.

Ma quando si parla di BBQ, anche se mi duole dirlo, altre culture e principalmente quella americana hanno sviluppato modi per insaporire ed intenerire la carne capaci di rendere gustoso anche il più semplice pezzo di carne.

Ecco  le due tecniche principali per rendere ogni arrosto qualcosa di speciale: Marinatura e Rub

MARINATURA

marinatura marinatura

Questa tecnica alcuni di voi la conosceranno già; quante volte le nostre nonne prima del consueto “pollo arrosto” lo lasciavano “riposare” insieme agli odori?

La Marinatura serve a due scopi principali: intenerire e dare sapore.

Vi è quasi sempre una componente acida (limone, aceto ecc) che aiuta a rompere i legami molecolari tra le zone più resistenti della carne (tendini, cartilagine ecc).

marinatura

Anche il più duro dei tagli carne più diventare burro se marinato nel giusto modo.

Per avere effetto, la marinatura devi avere tempo di agire, si può parlare di un paio d’ore come per tutta la notte.

RUB

rub rub

Per RUB, termine inglese che significa letteralmente “Massaggiare”, si intende un mix di spezie che vanno appunto “massaggiate” sulla carne a secco prima della cottura.

Questa tecnica può essere applicata una manciata di minuti prima di cucinare la carne e non richiede una preparazione particolare: basta partire da sale e pepe, per poi aggiungere le spezie che più ti piacciono. Tipico esempio classico è il salare e pepare una bistecca prima della cottura.

rub rub

A livello chimico il RUB aiuta a estrarre i succhi della carne in superficie, che una volta a contatto con la fiamma andranno a sigillare il taglio e a creare quella crosta che viene associata ai cibi cotti alla griglia.

Nessuno vieta di combinare le due tecniche. Entrambe hanno i loro punti di forza e le loro debolezze, ma fidatevi: una volta provate non potrete più farne a meno!

BUON APPETITO!